Camerun, AID 11226 – Protezione dell’infanzia e delle donne nell’estremo Nord del Camerun – INTERSOS

Dove  Camerun - Yaoundé
Durata  10 mesi
Partners
Canale  Affidato
Realizzato da  INTERSOS
Fondi  € 792.820

Contesto
La presente proposta si pone l’obiettivo di garantire supporto alle fasce più vulnerabili della popolazione di rifugiati, sfollati interni e popolazione di ritorno, fornendo servizi di prevenzione dei rischi di protezione e presa in carico psicosociale dei casi indentificati per le donne vittime di VBG e i bambini vulnerabili.

Obiettivo Generale

Contribuire a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni sfollate e della popolazione ospitante.

Obiettivo Specifico

L’impatto della crisi sulle popolazioni vulnerabili (sfollati interni e comunità di accoglienza) viene ridotto grazie alla prevenzione e alla risposta alle violenze basate sul genere (VBG) e alla protezione infantile nella Regione dell’Estremo Nord.

Beneficiari
- 10.335 beneficiari diretti

- 376 beneficiari indiretti

Risultati attesi e attività

R1: Il benessere psicosociale delle popolazioni target migliora grazie all’assistenza psicosociale e all’accesso ai sistemi di protezione comunitaria.

  • Formazione per il personale locale: Creazione e formazione di comitati di protezione a base comunitaria e reti di protezione e Identificazione e formazione di 40 volontari per la sensibilizzazione comunitaria

R2: Assicurata ai sopravvissuti una gestione appropriata e di qualità dei casi di Violenze Basate sul Genere (VBG)

  • Messa in opera di un sistema di riferimento in materia di VBG per assicurare la gestione dei casi vi VBG: Identificazione dei casi di VBG e Distribuzione dei Kit di dignità

R3: Assicurata una gestione dei casi di Protezione Infantile (PI) appropriata e di qualità per le vittime

  • Messa in opera di un sistema di riferimento in materia di PI per assicurare la gestione dei casi di Protezione Infantile (PI) : Identificazione e documentazione e Gestione dei casi di PI e Presa in carico e ricongiungimento familiare per minori soli o non accompagnati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Camerun, AID 11226 – Soggettività e Rafforzamento del Resilienza dei sistemi socioeconomici delle popolazioni rifugiate e sfollate – INCONTRO FRA I POPOLI

Dove  Camerun- Logone Chari, Mayo Tsanaga e Mayo Sava
Durata  21 mesi
Partners  ACEEN (Alliance Citoyenne pour le Développement et l’Education à l’Environnement)
Canale  Affidato
Realizzato da  INCONTRO FRA I POPOLI
Fondi  € 850.000

Contesto
Aiuti di urgenza, rete di leader locali, cooperative modello/eccellenza in agroecologia e diritti umani, donne-giovani-sfollati-rifugiati nella ‘governance’ locale, pozzi, latrine domestiche-scolastiche-pubbliche, alfabetizzazione, aule scolastiche.

Obiettivo Generale

Contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei rifugiati, sfollati interni, popolazione di ritorno e comunità ospitanti nei Dipartimenti Logone Chari, Mayo Tsanaga e Mayo Sava (EN Camerun), offrendo modelli socio-produttivi, socio-sanitari e educativi ancorati nella cultura locale ma pure performanti, innovativi, resilienti e mutuabili nella Regione del Lago Ciad.

Obiettivo Specifico

O1. Rafforzare soggettività e resilienza dei sistemi socioeconomici delle popolazioni rifugiate, sfollate interne, ritornate e delle comunità ospitanti per contrastare l’insicurezza alimentare.

O2. Migliorare le opportunità di soggettività sociale delle fasce deboli e l’accessibilità e la qualità dell’offerta educativa (formale, informale e per una cultura di pace, coesione sociale e cittadinanza attiva) nei siti ospitanti rifugiati, sfollati interni, ritornati.

O3. Migliorare l’accesso delle popolazioni vulnerabili in situazione d’urgenza a conoscenze e servizi idrici, igienici e sanitari adeguati

Beneficiari

-  12 Arrondissement interessati al progetto sono abitati da un milione di persone (minimo Makari 8.000 ab.; massimo Mokolo 250.000 ab.), con una densità di popolazione che va dal 45 ab/km² nel Logone et Chari a 170 ab/km² nel Mayo Tsanaga.

- Il progetto si limita ad una cinquantina di comunità, ognuna formata a sua volta da “villaggi” (circa 300) per un totale stimato di circa 200.000 persone beneficiarie indirette che risentiranno degli effetti positivi delle azioni; non fosse cheper spinta emulativa.

-  beneficiari privilegiati, quali nelle scuole (50 scuole, quindi circa 30.000 bambini e giovani

Risultati attesi e attività

R1. L’aiuto alimentare di base alle famiglie di rifugiati, sfollati interni e ritornati maggiormente vulnerabili è più adeguato ai bisogni rilevati e validati di concerto con le altre agenzie umanitarie operanti negli Arrondissement selezionati.

  • Distribuzione d’urgenza di 50 tonnellate di prodotti alimentari
  • Realizzazione di 20 “Campi Agricoli Didattici” (Champs Ecoles Paysans – CEP)
  • Formazione di 150 leader locali in agricoltura sostenibile, imprenditoria societaria, sviluppo comunitario,…

R2. Esistenza di nuovi spazi e canali di (re-)inserimento scolastico per rifugiati, sfollati interni e bambini delle comunità ospitanti.

  • Creazione di almeno 2 Centri Prescolari Comunitari (CPC)
  • Riabilitazione/costruzione di almeno una decina di sale classe e Costruzione di almeno 10 pozzi e di un numero adeguato di latrine in almeno una decina di scuole

R3.1 Una cultura comunitaria incentrata sulle buone pratiche igieniche e di prevenzione sanitaria è consolidata in almeno un centinaio di siti a elevata presenza di rifugiati, sfollati e ritornati.

  • Realizzazione del “Risanamento totale Pilotato dalla Comunità” e “Risanamento totale in Ambiente Scolastico”
  • Riabilitazione di una trentina di punti d’acqua potabile comunitar e una decina di latrine a uso pubblico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Camerun, AID 11226 – Carceri Camerun: Umanizzazione delle prigioni a nord del paese – ACAP – Sant’Egidio

Dove Nord del Camerun - Distretti di distretti di Fotokol e Makary e Mora e Kolofata
Durata  20 mesi
Canale Emergenza
Realizzato da Comunita' di Sant'Egidio
Fondi 176.754,00 Euro

Contesto
Nel quadro del programma Emergenza AID 11226 "Intervento di emergenza a favore di rifugiati, sfollati interni, popolazioni di ritorno e comunità ospitanti del lago Ciad" che mira ad assistere le fasce di popolazione più vulnerabili del Lago Ciad, in particolare donne e bambini sfollati interni, vittime della crisi umanitaria causata dal fenomeno Boko Haram e dagli effetti climatici avversi, e' stato affidato alla Comunita' di Sant'Egidio l'iniziativa di emergenza in favore dei detenuti presso le carceri di Maroua, Mokolo, Yagoua, Kaele colpite da:

  • sovraffollamento delle carceri;
  • carenza infrastrutture idriche;
  • carenza farmaci e profilassi sanitarie;
  • carenza percorsi reinserimento lavorativo;
  • fragilità infrastrutture amministrative;
  • ostacoli amministrativi.

Obiettivo
Migliorare le condizioni socioeconomiche della popolazione carceraria nell'estremo nord del Camerun attraverso:

  • innalzamento delle quote di accesso ai servizi educativi, di formazione tecnica e professionale, finalizzata al reinserimento fuori dalle carceri;
  • miglioramento generale delle condizioni igienico sanitarie e alimentari per i prigionieri.

Risultati attesi e attività

  • Azioni di reinserimento sociale e lavorativo e prevenzione isolamento social;
  • Azioni di formazione e di gestione dei programmi alimentari scolastici e familiari;
  • Prevenzione al rischio di diffusione di malattie endemiche, contrasto alla malnutrizione;
  • Azioni di riabilitazione delle carceri (grondaie, disinfestazione generale e sistemazione fosse settiche nelle
    prigioni di Kaele, Yagoua, Maroua, Mokolo);
  • Distribuzione di generi alimentari e kit igienico-sanitari.

Camerun, AID 11010 – Supporto al centro di formazione professionale Bethlehem nell’estremo Nord del Camerun – AICS

Dove Nord del Camerun
Durata 12 mesi
Partners Fondazione Betlemme
Centro di Formazione Artigianale e Tecnica di Mouda (CFAAM)
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da AICS - Gestione Diretta
Fondi 40.000,00 Euro

Obiettivo

Il progetto supporta, attraverso l'acquisto di forniture, il Centro di Formazione Artigianale e Tecnica di Mouda (CFAAM), che accoglie giovani indigenti garantendogli una buona formazione, in materia di falegnameria per gli uomini e cucito e artigianato per le donne, offrendogli quindi una migliore possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. Il Centro è articolato in 9 laboratori, operativi durante l’intero corso dell’anno. Vi si producono protesi, scarpe ortopediche e ausili vari per la riabilitazione, oggetti d’arte, di arredamento e di utensileria, eseguiti presso gli atelier. All’attività di produzione artigianale si aggiunge quella formativa, organizzata in due cicli di apprendimento della durata di 6 mesi.

 

 

 

 

 

Camerun, AID 11010 – Iniziativa di emergenza in favore delle popolazioni sfollate e delle comunità di accoglienza nell’estremo Nord del Camerun in risposta ai bisogni primari abitativi e di approvvigionamento idrico – INTERSOS

Dove Nord del Camerun - Distretti di distretti di Fotokol e Makary e Mora e Kolofata
Durata 9 mesi
Canale Emergenza
Realizzato da INTERSOS
Fondi 2.819.236,00 Euro di cui 1.955.236,00 Euro da AICS

Contesto
Nel quadro del programma Emergenza AID 11010 "Assistenza a rifugiati e sfollati interni nella regione del Lago Ciad" che mira ad assistere le fasce di popolazione più vulnerabili del Lago Ciad, in particolare donne e bambini sfollati interni, mediante la costruzione e la messa a disposizione di percorsi d’inclusione socio-economica basati sul miglioramento dell’accesso ai servizi educativi, sanitari e abitativi, sulla promozione di attività generatrici di reddito, sulla protezione psicosociale dei minori e delle donne vittime di violenza, e stato affidato a INTERSOS l'iniziativa di emergenza in favore delle popolazioni sfollate e delle comunità di accoglienza nell’ estremo Nord del Camerun in risposta ai bisogni primari abitativi e di approvvigionamento idrico

Obiettivo
Il progetto si rivolge a sfollati interni e comunità di accoglienza al fine di garantire adeguate abitazioni transitorie, attivare meccanismi di protezione, fornire l'accesso a servizi igienici di base e a fonti d’acqua potabile. Verranno costruiti 800 shelters temporanei dotati di latrine, con il coinvolgimento dei beneficiari in attività di cash for work; creati tavoli di coordinamento e organizzate formazioni su temi di protezione rivolti ai partecipanti ai tavoli di coordinamento e ai partecipanti principali della comunità (insegnati, operatori sociali etc.).

Risultati attesi e attività

  • Creazione e distribuzione di materiale informativo e di sensibilizzazione sui temi di protezione e igiene (latrine, punti di approvvigionamento d’acqua, e smaltimento dei rifiuti)
  • Identificazione e riabilitazione di 12 punti di approvvigionamento nei distretti di Fotokol e Makary e Mora e Kolofata
  • Attività di formazione professionale on the job nella costruzione e manutenzione degli shelter e delle latrine.

Camerun, AID 11010 – Sicurezza alimentare e nutrizionale per le popolazioni dell’estremo Nord del Camerun – COOPI

Dove Nord del Camerun - Municipi di Makary e Fokotol (Logone et Chari)
Durata 10 mesi
Partners COOPI in collaborazione con CODASC CARITAS
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da AICS
Fondi 580.000,00 Euro

Contesto
Nel quadro del programma Emergenza AID 11010 "Assistenza a rifugiati e sfollati interni nella regione del Lago Ciad" che mira ad assistere le fasce di popolazione più vulnerabili del Lago Ciad, in particolare donne e bambini sfollati interni, mediante la costruzione e la messa a disposizione di percorsi d’inclusione socio-economica basati sul miglioramento dell’accesso ai servizi educativi, sanitari e abitativi, sulla promozione di attività generatrici di reddito, sulla protezione psicosociale dei minori e delle donne vittime di violenza, e' stato affidato a COOPI il progetto "Sicurezza alimentare e nutrizionale per le popolazioni dell’estremo Nord del Camerun" .

Obiettivo
Il progetto vuole aumentare il rendimento dell’ agricoltura, attraverso i mezzi di produzione per l’auto-sostentamento delle popolazioni sfollate e autoctone nei municipi di Makary e Fokotol (Logone et Chari), prevenendo la malnutrizione acuta nei bambini tra 6 e 59 mesi e nelle donne in gravidanza e allattanti con razioni supplementari di alimenti necessari a coprire i fabbisogni nutrizionali. Inoltre nei territori d’intervento si provvederà alla riabilitazione di 20 pozzi e alla costruzione di 12 nuovi pozzi perforati al fine di permettere un maggior approvvigionamento idrico anche per la comunità e si potranno realizzare le attività per le buone pratiche d’igiene.

Attività e risultati attesi
Tutte le attività sono indirizzata a 1.000 famiglie che beneficeranno del sostegno alla produzione agricola attraverso la distribuzione di 25 tonnellate (25 kg a famiglia) di sementi e di attrezzature quali machete e zappa (1 per famiglia).

  • Formazione sulle tecniche agricole per 60 beneficiari facenti parte dei villaggi beneficiari e dei distretti;
  • Attività di screening sulla malnutrizione per i bambini da 6 a 59 mesi e formazione culinaria atta a mostrare come gli alimenti di base distribuiti dovranno essere mischiati per ottenere un risultato in termini di Kcal che sia equilibrato e sano;
  • Riabilitazione di 20 pozzi e costruzione di 12 pozzi.

Camerun, AID 11010 – Supporto al carcere di Maroua, estremo Nord del Camerun, per dignità e cure dei detenuti – AICS

Dove Nord del Camerun - carcere di Maroua
Durata 12 mesi
Partners Comunità di Sant’Egidio
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da AICS in gestione diretta
Fondi 92.752,00 Euro

Obiettivo

Il progetto interviene nella prigione di Maroua, che nell’Estremo Nord che ospita 1600 detenuti, a fronte di una struttura penitenziaria realizzata in origine per ospitarne 350. L'intervento mira a rafforzare le capacità della struttura, in termini di condizioni igienico-sanitarie, ristrutturando e ampliando il sistema di approvvigionamento idrico, mal funzionante, e comunque insufficiente per coprire il fabbisogno dei detenuti; inoltre, attraverso la fornitura di materiali di prima necessità quali medicinali e consumabili per l’infermeria ma anche letti, ventilatori, e materassi, l'intervento aiuta a ripristinare condizioni di vita minime in termini di dignità dell'individuo.

Risultati attesi e attività

L’intervento nella prigione prevede tre assi principali:

  • il supporto attraverso la fornitura di attrezzature per le celle e per i detenuti,
  • un ampliamento del sistema idrico del carcere
  • un supporto all’infermeria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Camerun, AID 11010 – RIEDUCAPACE – Rilancio di un’educazione per la pace – COOPI

Dove Camerun - Municipi di Makary e Fotokol Hille Alifa e Blangua nel Dipartimento del Logone e Chari
SDGs SDG 6SDG 4
Durata 10 mesi
Partners -
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da COOPI in partnership con CODASC CARITAS
Fondi 650.000,00 Euro

Contesto

Nel quadro del programma Emergenza AID 11010 "Assistenza a rifugiati e sfollati interni nella regione del Lago Ciad" che mira ad assistere le fasce di popolazione più vulnerabili del Lago Ciad, in particolare donne e bambini sfollati interni, mediante la costruzione e la messa a disposizione di percorsi d’inclusione socio-economica basati sul miglioramento dell’accesso ai servizi educativi, sanitari e abitativi, sulla promozione di attività generatrici di reddito, sulla protezione psicosociale dei minori e delle donne vittime di violenza, e stato affidato a COOPI il progetto RIEDUCAPACE.

Obiettivo

Il progetto ha l’obiettivo di migliorare le opportunità di accesso di bambini/e e ragazzi/e dai 5 ai 18 anni a percorsi educativi e scolastici formali nei municipi di Makary e Fotokol Hille Alifa e Blangua nel Dipartimento del Logone e Chari, attraverso la ristrutturazione e l’equipaggiamento delle scuole, materiale scolastico per gli alunni, formazioni per gli insegnanti e copertura delle spese scolastiche per le famiglie più vulnerabili.

Inoltre nelle scuole si provvederà alla riabilitazione di 16 pozzi e alla costruzione di 8 nuovi pozzi perforati al fine di permettere un maggior approvvigionamento idrico anche per la comunità e si potranno realizzare le attività per le buone pratiche d’igiene.