RCA, AID 11293 – Maternità Sicura: assistenza e prevenzione per gestanti e partorienti nell’area di Bossemptelè – SALUTE E SVILUPPO

Dove Sottoprefettura di Bossemptélé, Diocesi di Bouar, Regione di Oham-Pendé
Durata 12 mesi
Partners Ospedale Giovanni Paolo II di Bossemptelè dell’ordine dei ministri degli infermi
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da Salute e Sviluppo
Fondi 170.405,00 Euro di cui 150.000,00 Euro da AICS

Obiettivo
Favorire l’accesso ai servizi di assistenza sanitaria delle categorie sociali vulnerabili, madri e bambini, nell’area di Bossemptelè

Risultati attesi e attività
L'iniziativa realizzata nel quadro del Programma di Emergenza " Sostegno della Resilienza della Popolazione Vulnerabile della Repubblica Centrafricana" realizzerà le seguenti attività:

  • Costituzione del reparto di maternità che si estenderà su una superficie di 130mq. La struttura sara dotata di sala travaglio, sala parto, sala operatoria, area degenza post parto e ambulatorio ginecologico con regime di day hospital;
  • Allestimento e avvio del dipartimento di maternità verrà equipaggiato e arredato con tutti gli strumenti/attrezzature necessari all'assistenza e rifornito dei medicinali, diventando a tutti gli effetti operativo per: assistenza ginecologica, rilevazione di eventuali problemi durante la gravidanza, servizi di diagnosi e trattamento delle patologie pre-natali, gestione parti d’urgenza. La struttura ospiterà sala travaglio con attrezzature per il monitoraggio fetale (cardiotocografo e ecografo), sale parto con lettini ginecologici, area degenza e ambulatori.
  • Formazione del personale sanitario in ambito ginecologico, con focus sulla trasmissione verticale  dell’HIV/AIDS: l personale sanitario riceverà aggiornamenti, ampliando il loro know-how e potenziando le competenze, in particolare su: gestione parto naturale e cesareo, monitoraggio e riconoscimento sintomatologia di sofferenza fetale, trattamento infezioni e complicazioni mediche della madre, terapia per il contrasto alla trasmissione verticale HIV/AIDS. La formazione si svolgerà in una sessione on the job (1 settimana) e sarà rivolta a 1 medico, 1 ostetrica e 1 counsellor in ambito ginecologico/ostetrico.
  • Sessioni educative per le madri, i giovani e gli adolescenti: saranno realizzate 5 sessioni educative (2 giornate per sessione) in ambito igienico sanitario, con un focus specifico dedicato al contrasto dell’HIV/Aids, per sensibilizzare ed educare la comunità locale sulla necessità di acquisire abitudini corrette per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili, garantire una corretta gestazione e sviluppo fetale, evitare la trasmissione verticale del virus, preservare un corretto stato di salute della madre e del bambino, evitare le infezioni più comuni.

 

 

Beneficiari
Circa 1.384 donne e donne in gestazione (346 donne al mese) avranno maggiori opportunità di accesso ai servizi sanitari e nella fruizione delle prestazioni in ambito ginecologico/ostetrico, di assistenza prenatale, durante il parto e post-natale;
Circa 24 donne con HIV/AIDS (circa 6 donne al mese) riceveranno accoglienza e saranno assistite durante il parto per evitare la trasmissione verticale del virus HIV/AIDS ai nascituri;
Circa 1.000 donne (tra cui in gravidanza, giovani e adolescenti in età fertile) saranno sensibilizzate, informate ed educate in ambito igienico-sanitario al fine di acquisire abitudini corrette e nuove attitudini per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili e preservare un corretto stato di salute della madre e del bambino
durante la gravidanza;
Per quanto concerne le azioni di formazione, 1 medico, 1 infermiera/ostetrica e 1 counsellor aumentano il proprio know-how ed esperienza, offrendo servizi di maggiore qualità all’interno dell’Ospedale.

 

Posted in .