EU Trust Fund – Cooperazione delegata

Con l’espressione “cooperazione delegata” si indica, nel quadro del “Codice di condotta dell'UE sulla divisione del lavoro nell'ambito della politica di sviluppo”, una modalità di gestione che consente alla Commissione europea di delegare fondi ad uno Stato membro per l'esecuzione di programmi di cooperazione a seguito della firma di appositi “accordi di delega” e, a loro volta, agli Stati membri di trasferire risorse alla Commissione stessa attraverso la firma di “accordi di trasferimento”, il tutto al fine di favorire una maggiore concentrazione ed efficacia degli aiuti in quei Paesi partner e settori nei quali più evidente è il valore aggiunto di un donatore specifico, in un'ottica di reciprocità e massimizzazione dell'efficacia dell'aiuto.

Dal 2012 ad oggi, la cooperazione delegata si è consolidata fino a rappresentare un elemento imprescindibile della cooperazione italiana. L’Italia si è attestata tra i primi quattro Stati membri esecutori della cooperazione UE, con evidenti ritorni positivi per il sistema italiano di cooperazione allo sviluppo nel suo complesso, in termini sia di volumi di risorse disponibili per interventi di cooperazione, sia di visibilità politica: in seno alla stessa UE, presso i paesi partner e presso gli altri donatori.

In Sudan, sono attivi i due programmi di cooperazione delegata:

Mentre si sono conclusi i due seguenti interventi:

In RCA e' attivo il programma Renforcement de Capacités des Equipes-Cadres de Région et de Districts Sanitaire – « RECaRD » - T03-173 di 3.7 M Euro che mira a rendere sostenibile e duratura la gestione e l’erogazione dei servizi sanitari primari attraverso il rafforzamento della governance e la leadership delle istituzioni e si inquadra all’interno dell’ approccio Nexus  e Linking Relief, Rehabilitation and Development (LRRD) e si realizzerà nelle aree del paese stabili e sicure. Il programma mira a rafforzare il sistema sanitario nazionale e il suo processo di decentralizzazione, attraverso il rafforzamento dei gli uffici di gestione sanitaria Regionali e Distrettuali e il loro coordinamento con le strutture sanitarie (FOSA) e i servizi sanitari di comunità. Il progetto ha una durata di 30 mesi

Per garantire la complementarità, le sinergie e l’unitarietà dell’intervento italiano, l’AICS Khartoum, svolge un ruolo di assistenza tecnica di programma svolgendo la funzione di Programme Verifier per il coordinamento e la gestione degli interventi di Cooperazione Delegata. Lo scorso maggio 2018, la Direzione DEVCO della Commissione Europea ha notificato al MAECI e all’Agenzia la conclusione, con esito positivo, della procedura di accreditamento dell’AICS ai fini della gestione indiretta di programmi UE (pillar assessment). Grazie alla conclusione positiva della procedura la Commissione potrà affidare all’AICS programmi finanziati con fondi UE in gestione indiretta, permettendo all’Agenzia di operare anche come attore della “cooperazione delegata”.