Sudan, AID 10533 – Tutela e assistenza ai rifugiati in arrivo nel Sudan Orientale e a Khartoum – UNHCR

Dove Stati di Kassala e Khartoum
Durata 5 mesi (Avviato nel Aprile 2015)
Realizzato da UNHCR
Fondi 500.000,00 Euro

Contesto
Tra il 2013 e il 2014 nello Stato di Kassala si é assistito a un drammatico incremento degli arrivi di nuovi rifugiati. Le strutture di controllo, di identificazione e di registrazione poste sul confine eritreo-sudanese, così come i servizi di base all'interno dei campi di accoglienza, risultano inadeguati a rispondere a questo nuovo scenario. I casi di vittime di tratta umana, di rapimenti o di arresti preventivi avvengono con una frequenza sempre maggiore. Il contributo italiano va dunque a sostegno degli Stati di Kassala e Khartoum assicurando l’accesso al sistema di asilo e protezione presso le zone di confine con l’Eritrea nonché all'interno del territorio sudanese, con attenzione ai gruppi vulnerabili quali bambini, giovani e donne particolarmente esposti ai rischi di rapimenti o traffici umani.

Obiettivo generale
Contribuire alla tutela dei diritti umani degli stranieri nello Stato di Kassala e in Khartoum.

Risultati attesi e attività

  • Le strutture di ricezione, controllo e registrazione sul confine sudanese – eritreo sono riabilitate e rese maggiormente efficienti
    - Riabilitare struttura di ricezione;
    - Espandere il servizio di trasporto dalle strutture di ricezione sul confine ai centri di accoglienza;
    - Formare personale qualificato per l’espletamento delle procedure di identificazione, controllo e registrazione presso le strutture di ricezione;
  • Fornita assistenza alle vittime della tratta umana e dei rapimenti
    - Sostegno psicologico individuale e di gruppo per le vittime della tratta umana;
    - Assicurare il re-insediamento in Paesi terzi delle vittime della tratta umana e dei rapimenti maggiormente in pericolo;
  •  Migliorato accesso all'istruzione di base
    - Costruzione di un asilo per rispondere ai bisogni dei nuovi migranti;
    - Istituire dei consigli studenteschi;
    - Acquistare libri di testo e quaderni;
    - Formare gli insegnanti presenti nei campi di accoglienza;
    - Organizzare corsi di formazione professionali;

Posted in .