AICS Khartoum supporta le famiglie di Mayo colpite dall’alluvione

Negli ultimi giorni la città di Khartoum e' stata colpita da forti piogge che hanno reso inaccessibili molti quartieri della città' , tra qui Mayo, tra i più poveri della capitale, con una popolazione stimata in oltre 600.000 persone provenienti  da stati del Sudan affetti da conflitti e da Paesi fragili vicini, in particolare dal Sud Sudan. Mayo rappresenta un contesto fortemente marginalizzato, caratterizzato da povertà e scarsità di servizi di base (in particolare educazione e sanità, elettricità).

AICS Khartoum per fare fronte a tale emergenza e su richiesta della Ong Baladna for Development ha fornito 500 teloni di plastica per le famiglie la cui casa e' stata semi distrutta dell'acqua e ha assicurato generi alimentari a 1000 nuclei familiari, tra i più colpiti e bisognosi di assistenza.

La distribuzione, appena conclusasi, si è svolta in maniera tempestiva e sicura potendo contare sulla preziosa collaborazione dell’ong locale Baladna for Development e il coinvolgimento delle donne delle comunità, grazie alle quali, la distribuzione dei beni di prima necessità, latte, riso, lenticchie e zucchero ha potuto raggiungere capillarmente i diretti beneficiari.

La prontezza ed efficacia dell’intervento sono state rese possibili anche grazie alla continua presenza e attenzione di AICS Khartoum all’area di Mayo. Quest’ultima, considerata l’entità e criticità dei bisogni rilevati, sara’ oggetto di ulteriori iniziative volte a favorire la transizione da uno stato di cronica emergenza verso una prospettiva di sviluppo a medio e lungo termine.

Il Sudan Situation Report di OCHA ha confermato che a seguito delle intense precipitazioni e inondazioni delle ultime settimane l' emergenza stia assumendo dimensioni sempre più drammatiche. Si stima che il numero delle persone interessate in 15 Stati del Paese sia pari a 245.700, superando le 222.644 colpite nel 2017.

La Commissione per gli Aiuti Umanitari del Sudan (HAC) ha riportato 59 decessi correlati principalmente al crollo di edifici, mentre sono 32.581 le abitazioni distrutte e 16.284 quelle che hanno riportato danni gravi. Come riferito nella giornata di ieri durante il Refugee Consultation Meeting presso la sede di UNHCR, la situazione appare ancor più critica nelle aree rurali, essendo molte le località al momento inaccessibili ai soccorsi umanitari. Un ulteriore allarmante aspetto connesso alla crisi in corso è quello relativo all'ingente aumento del già elevato numero di sfollati interni.

Malgrado l’insieme degli sforzi volti a garantire tempestività ed efficacia agli interventi, sono tuttavia enormi, in prospettiva, le azioni ancora necessarie. La stagione delle piogge infatti è prevista protrarsi almeno fino a fine ottobre.

Mappa: clicca qui

 

Posted in fotonotizia.