Ciad, AID 11226 – Sostegno alla Protezione dei bambini colpiti dalla crisi del Lago Ciad – COOPI

Dove Lago del Ciad
Durata  18 mesi
Partners Initiative Humanitaire pour Le Développement Local (Iniziativa Umanitaria per le Sviluppo Locale – IHDL)
Canale  Affidato
Realizzato da  COOPI
Fondi  € 461.909

Contesto
Il progetto mira a promuovere i diritti dei/delle bambini/e colpiti dalla crisi del Lago Ciad attraverso la prevenzione, l’identificazione, la gestione dei casi di protezione e la sensibilizzazione della comunità.

Obiettivo Generale

Contribuire alla promozione e alla protezione dei diritti dei/delle bambini/e affetti/e dalla crisi del Lago Ciad.

Obiettivo Specifico

Migliorare la risposta ai bisogni di protezione e le prospettive di vita dei/delle bambini/e vulnerabili, rifugiati, sfollati e delle comunità d’accoglienza nel dipartimento Mamdi del Ciad.

Beneficiari
 - 40 facilitatori comunitari e 10 staff di progetto

- 160 rappresentanti delle famiglie di accoglienza

- 3000 bambini.e che beneficiano delle attività ludico ricreative EAE;

- 600 tra adolescenti e bambini-e che partecipano ai gruppi di parola

- 80 tra adolescenti e bambini-e che partecipano alle sessioni di counseling individuale

- 200 partecipanti ai dialoghi comunitari

- 16.000 di cui si stima il 58% donne persone nelle comunità

Risultati attesi e attività

R1: La presa in carico specializzata secondo i bisogni é migliorata

  • Ridinamizzazione dei RECOPE e formazione/ aggiornamento dei suoi membri, della DPAS, e degli attori chiave su tematiche legate alla protezione
  • Identificazione e monitoraggio dei casi di protezione e dei casi presi in carico nelle FAT e di quelli reinseriti nelle famiglie di origine
  • Identificazione, formazione, supporto alle famiglie di accoglienza transitorie (FAT)
  • Ricerca delle famiglie di origine, inserimento del bambino e monitoraggio dell’inserimento

R.2: La protezione e il benessere psicosociale dei bambini sono aumentati

  • Creazione e/o riabilitazione di 20 strutture comunitarie, EAE (Espace amis d’Enfants) e distribuzione di kit ludici e ricreativi per i bambini
  • Organizzazione di gruppi di parola per adolescenti e bambini/e sui temi di vita corrente (HIV/AIDS, Igiene…)
  • Sessioni di counseling individuale per 80 bambini/e e adolescenti

R3: Le comunità della zona sono implicate nel creare un ambiente favorevole alla protezione dell’infanzia.

  • Animazione dei dialoghi comunitari sui diritti del bambino, la risoluzione pacifica dei conflitti e la coesione sociale
  • Realizzazione di campagne di sensibilizzazione sui diritti dell’infanzia nelle scuole e negli EAE in concomitanza delle giornate internazionali pertinenti
  • Diffusione di emissioni radiofoniche con messaggi chiave per la protezione

 

 

 

 

 

Ciad, AID 11226 – Salute e Nutrizione nella Regione del Lago Ciad – INTERSOS

Dove  LAGO CIAD- N’Djamena
Durata  12 Mesi
Partners  non prevede partenariati formali con attori locali.
Canale  Affidato
Realizzato da  INTERSOS
Fondi  € 557.988

Contesto
La presente proposta progettuale mira a contribuire alla lotta contro la malnutrizione acuta nella Regione del Lago Ciad attraverso un intervento integrato multi-settoriale nei settori della nutrizione, salute ed accesso all’acqua. L’approccio adottato comprende il trattamento sanitario della malnutrizione acuta moderata e severa e, nello stesso tempo, interviene su alcune delle principali cause della malnutrizione, quali la scarsa conoscenza delle pratiche di alimentazione e cura dei bambini e lo scarso accesso all’acqua potabile.

Obiettivo Generale

Facilitare l’accesso ai servizi sanitari e nutrizionali di presa in carico di qualità per gli sfollati e la comunità d’accoglienza nella sottoprefettura di Ngouboua.

Obiettivo Specifico

Contribuire alla riduzione della morbilità e mortalità tra gli sfollati e comunità ospitanti, con un accento particolare sulla presa in carico delle patologie ricorrenti, della malnutrizione, e delle complicazioni ostetriche tra i più vulnerabili.

Beneficiari
20.978 persone

Risultati attesi e attività

R1: I beneficiari residenti nelle zone più isolate e di difficile accesso beneficiano dei servizi di presa in carico forniti dalle cliniche mobili

  • La clinica mobile fornisce cure primarie gratuite a 8837 sfollati (di cui 1750 bambini sotto i 5 anni; 345 donne in consultazione pre e post parto) residenti nei siti identificati dal progetto
  • Un sistema di referenze per i casi urgenti (donne incinte, bambini malnutriti, traumi), Le vaccinazioni di routine e Lo screening nutrizionale tramite braccialetto MUAC

R2: Le formazioni sanitarie (FOSA) dispongono di risorse umane e materiali per assicurare servizi di qualità

  • Fornitura mensile di medicinali essenziali generici alle FOSA
  • Riabilitazioni WASH (punti d’acqua, latrine, inceneritori) minori delle FOSA sostenuta dal progetto
  • Formazione del personale sanitario e volontari comunitari
  • Visite costanti di supervisione del personale di progetto

R3: Le formazioni sanitarie sostenute dall’azione offrono servizi di presa in carico della malnutrizione per le donne incinte e allattanti e i bambini di 0-59 mesi

  • Presa in carico gratuita dei casi di malnutrizione delle donne incinte e allattanti e dei bambini da 0 - 59 mesi
  • Formazione del personale sanitario sui protocolli di presa in carico dei bambini malnutriti severi e sui segni di gravità

R4: Le donne incinte e allattanti accedono a servizi gratuiti pre e post natali nelle maternità

  • Garantire il rifornimento di kit PEP nei centri di salute per la presa in carico dei casi di VSBG
  • Riabilitazione di uno spazio del centro di salute di Ngouboua dedicato alla maternità
  • Attivare un sistema di referenze dei casi urgenti necessitanti un livello secondario di cure

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciad, AID 11010 – Intervento multi-settoriale integrato alla lotta contro la malnutrizione nella Regione del Lago Ciad – INTERSOS

Dove Regione del Lago Ciad
Durata 9 mesi
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da   INTERSOS
Fondi 350.533,00 Euro

Obiettivi

Il progetto mira a contribuire alla lotta contro la malnutrizione acuta nella Regione del Lago Ciad attraverso un intervento integrato multi-settoriale nei settori della nutrizione, accesso all’acqua e sicurezza alimentare. L’approccio adottato comprende il trattamento sanitario della malnutrizione acuta moderata e severa e, nello stesso tempo, interviene su alcune delle principali cause della malnutrizione, quali l’insicurezza alimentare, la scarsa conoscenza delle pratiche di alimentazione e cura dei bambini e lo scarso accesso all’acqua potabile.

Attività e risultati attesi

  1. La popolazione, delle zone identificate, ha accesso a cure gratuite: ad oggi 6187 persone (921 bambini <5 anni, 975 donne) hanno ricevuto consultazioni mediche gratuite in questioni pre e post natale;
  2. I bambini compresi tra i 6 e 59 mesi sono depistati attivamente e passivamente contro la malnutrizione e trattati ove necessario: 960 casi di bambini tra i 6 e 59 mesi sono stati sottoposti ad uno screening tramite MUAC durante le visite ambulatoriali e 309 sono stati depistati
  3. Una clinica mobile assicura cure primarie e nutrizionali alle popolazioni che vivono nei siti sfollati ubicati a più di 10km da un centro di salute operativo.
  4. Sviluppo per l' accesso all’acqua e realizzazione di latrine: 3094 persone sono state sensibilizzate fino ad oggi sulle buone pratiche familiari in materia di igiene e nutrizione nei nostri siti intervento
  5. Piano di smaltimento per i rifiuti secondo le norme igieniche: costruzione di un inceneritore per eliminare i rifiuti medici nei due centri sanitari di Tchoukoutalia e Kalya
  6. Formazione specializzata per lo staff medico
  7. Coltivazione di orti domestici attraverso la distribuzione di kits e sementi agricoli
  8. Supporto finanziario a 252 famiglie in cui le donne sono state colpite da malnutrizione acuta (MAM).

 

 

 

 

Ciad, AID 11010 – Programma integrato d’urgenza per favorire la sicurezza alimentare delle popolazioni vulnerabili nella Regione del Lago Ciad – COOPI

Dove Regione del Lago Ciad - 3 comuni Bol, Ngarangou e Nguelea
Durata 10 mesi
Partners -
Canale Bilaterale - Emergenza
Realizzato da COOPI in collaborazione con ALMP (Associazione per la lotta contro la malnutrizione e la precarietà)
Fondi 450.000,00 Euro

Contesto
Nel quadro del programma Emergenza AID 11010 "Assistenza a rifugiati e sfollati interni nella regione del Lago Ciad" che mira ad assistere le fasce di popolazione più vulnerabili del Lago Ciad, in particolare donne e bambini sfollati interni, mediante la costruzione e la messa a disposizione di percorsi d’inclusione socio-economica basati sul miglioramento dell’accesso ai servizi educativi, sanitari e abitativi, sulla promozione di attività generatrici di reddito, sulla protezione psicosociale dei minori e delle donne vittime di violenza, e' stato affidato a COOPI il Programma integrato d'urgenza per favorire la sicurezza alimentare delle popolazioni vulnerabili nella Regione del Lago Ciad.

Obiettivo
Il progetto lavorerà sulle 4 componenti della sicurezza alimentare (disponibilità, accesso, utilizzo, stabilità). Le attività di progetto si concentrano sull’ aumento del potere d’acquisto e il rilancio delle attività agro-pastorali con il fine di ultimo di migliorare, la sicurezza alimentare e nutrizionale, attraverso l’aumento del reddito e la diversificazione alimentare e dei mezzi di sussistenza.

Risultati attesi e attività
Promuovere presso la popolazione locale e le autorità l’accesso alle terre per i più vulnerabili attraverso 12 sessioni di promozione di accesso alla terra che prevedono che il proprietario terriero metta a disposizione dei gruppi agricoli degli appezzamenti di terra per ameno un anno. Sono stati coinvolti 12 villaggi nei tre comuni del progetto (Bol, Ngarangou e Nguelea) per un totale di 33 gruppi agricoli;

Distribuzione dei mezzi di produzione agricola composto da 30 KG di Maïs, 11,25 KG di Niébé, 3 kg di miglio, una pala, un erpice manuale e una zappa per le coltivazioni in terreni non irrigati a 1000 famiglie molto povere e povere;

Attività' di formazione sulle seguenti tematiche: gestione delle sementi, gestione integrata della fertilità dei terreni, metodi innovativi di conservazione e stoccaggio dei prodotti, pianificazione dei perimetri irrigati, vivai e trapianti, lotta biologica contro i parassiti delle colture ortofrutticole, allevamento dei piccoli ruminanti, tecniche di produzione e conservazione dei pascoli, e commercializzazione dei prodotti.